SISTEMI E SOTTOSTRUTTURE PER FACCIATE VENTILATE (PARTE 1)

facciata ventilata alucobond
FACCIATA VENTILATA HI-TEC COS’E? LE PRINCIPALI TIPOLOGIE ESISTENTI
ottobre 23, 2017
SOTTOSTRUTTURE PER FACCIATE VENTILATE
SISTEMI E SOTTOSTRUTTURE PER FACCIATE VENTILATE (PARTE 2)
novembre 15, 2017
Show all

SISTEMI E SOTTOSTRUTTURE PER FACCIATE VENTILATE (PARTE 1)

sistema facciata ventilata

Nel precedente articolo abbiamo capito quali sono le principali tipologie di facciata ventilata Hi-Tec, in questo ci occuperemo delle differenze tra le sottostrutture che compongono i sistemi per facciata ventilata.

Esistono diverse filosofie progettuali che hanno portato allo sviluppo ed alla definizione dei vari sistemi e sottostrutture per facciate ventilate.
Parlando di sistemi e di sottostrutture per facciata ventilata, per facilitare la comprensione dei due termini in oggetto, spieghiamo brevemente come definirli:

DEFINIZIONE DI SISTEMA PER FACCIATA VENTILATA

rivestimento facciata cappotto termico

Un sistema per facciata ventilata, nasce come idea ingegneristica per risolvere un problema tecnico pratico. L’insieme delle parti e degli elementi che compongono l’idea, uniti alla modalità di come viene applicata, formano un sistema.

Un esempio pratico può essere individuato nell’automobile. Un auto è composta da: telaio, carrozzeria, interni, motore, parte meccanica, elettrica, dispositici elettronici, di sicurezza, ruote ecc…l’insieme di tutte questi elementi, danno vita all’automobile.

Quindi, un sistema per facciate ventilate è composto in linea generale da:

A. le staffe che si ancorano al supporto (muro o struttura metallica),
B. le sottostrutture lineari o reticolari (solitamente metalliche) che creano il piano di posizionamento del pannello di rivestimento,
C. gli accessori per l’ancoraggio del pannello di finitura alla sottostruttura,
D. ed il pannello di finitura che viene ancorato alla sottostruttura.

DEFINIZIONE DI SOTTOSTRUTTURA PER FACCIATA VENTILATA

sottostruttura bergami t1

Una sottostruttura per facciata ventilata, è quella parte del sistema che prende il profilato lineare o reticolare della sottostruttura e gli accessori di ancoraggio.
Questi due elementi, caratterizzano la modalità di come verrà lavorato e posato il pannello di finitura e sono l’insieme che darà alla facciata ventilata hi-tec un impatto:
– estetico/architettonico,
– di stabilità e durabilità del rivestimento nel tempo

– e della pressochè assenza totale di manutenzioni straordinarie (in pratica basta pulirlo, ogni tanto).

COME E’ CONCEPITO UN SISTEMA PER FACCIATE VENTILATE HI-TEC

Tutto parte dall’esigenza di risolvere il problema realizzativo.
In base al know how aziendale ed al backgroun del progettista incaricato di risolvere il problema, le idee si sono evolute partendo da problemi realizzativi differenti ed hanno preso strade progettuali diverse pur mantenendo una linea generale simile.

Un azienda che si occupa di realizzare rivestimenti di facciata ventilata con pannelli di marmo, pietre e/o cemento, avrà problematiche diverse da una che si occupa di rivestimenti in pcv e/o legno.

In base ai diversi materiai entrano in gioco: pesi, dimensioni possibili e strutturalità dei pannelli.

Per esempio: legno, metallo, marmo, materie plastiche, cemento e vetro, hanno pesi, rigidità, flessibilità, resistenza, durezza e fragilità molto differenti tra loro.

In base alle proprietà del materiale di finitura scelto per i pannelli, si avranno più o meno vincoli da tenere bene a mente in fase progettuale, anche in funzione di ottenere un risultato che duri nel tempo.

STAFFE DI UN SISTEMA PER FACCIATA VENTILATA

Partendo dal presupposto che le staffe possono essere universali e che devono essere realizzate in modo strutturalmente robusto, il loro scopo fondamentale è quello di:

  • sorreggere la facciata ventilata,
  • permettere l’allineamento verticale, orizzontale e quello del mantenimento del piano e della distanza del rivestimento dal supporto murario,
  • creare la camera d’areazione che lavorando per “effetto camino” fornisca la coibentazione propria di una facciata ventilata hi-tec.

Le staffe, purchè studiate, realizzate e posate a regola d’arte, non determinano nulla sull’impatto architettonico e su come risulterà tecnicamente ed esteticamente una facciata ventilata.

FACCIATA VENTILATA: LE SOTTOSTRUTTURE 

Se le staffe non hanno nessun impatto sull’estetica finale,  le sottostrutture invece impattano sia sul risultato estetico sia sul risultato tecnico.

Solitamente una sottostruttura può essere realizzata in almeno 3 modi:

  • 1) partendo da un profilato estruso in alluminio,

  • 2) oppure partendo da un profilato estruso in acciaio,

 

  • 3) oppure partendo da un profilato ricavato da lamiera metallica presso piegata.

SOTTOSTRUTTURA: GLI ACCESSORI 

In funzione del loro utilizzo e delle qualita o difetti tecnici del tipo di materiale usato per realizzare il pannello di finitura, gli accessori della sottostruttura possono essere realizzati in vari modi e materiali, dipende da come sono stati progettati, e ciò dipende da:

  • come sarà il loro funzionamento e come verranno applicati,
  • come sarà il tipo di ancoraggio tra struttura e pannello,
  • come agiranno i carichi statici a cui sono sottoposti (in funzione del peso dei pannelli di rivestimento e del tipo di applicazione studiata.

Alcune tipologie costruttive degli accessori sono:

  • fusi in materiali plastici,

  • fusi in materiali metallici,

  • da estrusi sezionati, per poi esser rifiniti con tranciatura meccanica,

  • ricavati dalla tranciatura e pressopiegatura di lamiere d’acciao armonico.

Come detto, ogni sistema nasce da un esigenza progettuale da risolvere e parte da una base di idea tecnica che si confronta con le qualità e i difetti del materiale con il quale verrà realizzato il pannello di finitura del rivestimento di facciata ventilata.

L’evoluzione dei profilati, ha permesso di sviluppare e migliorare molti aspetti, modificando le leghe metalliche insieme ai materiali impiegati e studiando nuove forme di nervatura dei profili, è migliorata la capacità strutturale, diminuendo:

  • dimensioni,
  • pesi
  • e materiali impiegati.

Questo ha portato ad altri vantaggi:

  • una migliore stabilità delle pannellature sottoposte ai cicli termici stagionali,
  • una migliore corrispondenza dell’allineamento delle fughe e della trama dei pannelli, che sono parte integrante che caratterizza l’estetica architettonica del rivestimento di facciata hi-tec,
  • una migliore facilità di utilizzo ed applicazione in posa,
  • una migliore resistenza alle intemperie come:
    1. i carichi di vento,
    2. il peso della neve sulle parti in cui si possa depositare,
    3. gli urti della grandine in ogni situazione di esposizione,
    4. il contenimento e deflusso delle acque piovane.

Pure l’evoluzione sugli accessori di ancoraggio, ha seguito logiche finalizzate:

  • all’utilizzo in posa per facilitare il fissaggio dei pannelli e la loro regolazione,
  • a rendere stabili nel tempo le pannellature pur mantenendole libere di dilatare,
  • a resistere ai carichi sui quali gravano i pesi statici dei pannelli,
  • a resistere meglio ad altri carichi quali: vento, pioggia, neve e gli urti da grandine.

facciata ventilata alucobond

La figura in alto rappresenta il sistema T2

La figura in alto rappresenta il sistema T1

ECCO COME VIENE INSTALLATO UN SISTEMA DI FACCIATA VENTILATA HI-TEC IN 4 STEP

PRIMO STEP
Sul supporto (muro o carpenteria metallica), viene istallato un reticolo di staffe
allineate e distanziate secondo modanatura architettonica e la modularità dei pannelli di finitura da posare.

SECONDO STEP
Successivamente, sul supporto viene applicato il cappotto termico (nel caso in cui non si debba fare nessun tipo di isolamento si salta questo passaggio)

TERZO STEP
Sulle staffe viene applicata una sottostruttura solitamente metallica che può essere corredata di accessori di aggancio e viene allineata mantenendo l’allineamento sulle 3 dimensioni:
– Orizzontale
– Verticale
– Profondità.

QUARTO STEP
Su questa sottostruttura vengono applicati i pannelli di rivestimento che possono essere di diverso materiale ( alucobond, pietra, metallici, legno, vetro ecc), mediante gli appositi accessori di istallazione.

Realizzazione Facciata Ventilata – Bingo Star Sala VLT – Roma

2 Comments

  1. Carmelo ha detto:

    Siamo un azienda che realizza facciate ventilate in alluminio composito ,dovremmo realizzare una facciata ventilata in gres porcellanato…potremmo avere delle informazioni
    Il mio numero di cellulare è 3275535139 la nostra azienda MARENACI PROGETTI E SISTEMI – LECCE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »